Categorie
storia dell'Arma dei Carabinieri storia della musica storia delle forze dell'ordine italiane

La Musica e l’Arma, il progetto

L’organizzazione delle attività

Nell’autunno del 2016 prendeva piede l’idea di realizzare una serie di avvenimenti legati al rapporto tra la musica, nell’espressione più ampia della parola, e l’Arma dei Carabinieri, forza dell’ordine a statuto militare presente in Italia da oltre 200 anni. Si trattava di un argomento poco trattato nella storiografia e poco utilizzato in quegli anni per far conoscere un’istituzione militare e una forza dell’ordine. Il tema particolare e trasversale aveva l’ambizione di offrire una lettura diversa dell’Arma e far conoscere una parte del patrimonio umano e culturale che i Carabinieri hanno rappresentato. L’occasione fu offerta dal centenario della prima tournée che la Banda dell’Arma (all’epoca ancora banda della legione Allievi) fece nel 1916 in Francia. Si trattava di una ricorrenza che guardava alle commemorazioni della prima Guerra Mondiale attraverso la lettura degli spartiti musicali.

Da un punto di vista operativo, superate le difficoltà iniziali nel reperimento di fondi, qualche incertezza nella stesura di un progetto e alcune perplessità di qualcuno poco avvezzo a tali attività, fu possibile realizzare l’iniziativa. Questa era stata pensata su: una mostra temporanea presso il Museo Storico dell’Arma dei Carabinieri, una serie di attività collegate e quindi la pubblicazione di un volume che potesse riepilogare ciò che era stato fatto.

L’attività si svolse individuando sia il materiale iconografico necessario per la costruzione del percorso dei totem, sia gli oggetti necessari a realizzare il percorso espositivo. Ciò fu reso possibile grazie all’interazione tra i due istituti culturali dell’Arma dei Carabinieri, l’Ufficio Storico e il Museo Storico per una serie di motivi. In primo luogo entrambi gli istituti sono dotati di propri archivi storici, e di materiale fotografico organizzato in modo diverso in base all’epoca della costituzione e delle soluzioni adottate; il secondo aspetto era legato al fatto che il capo ufficio storico in quel periodo era anche direttore del museo e ciò consentì di realizzare sinergie e collaborazioni piuttosto efficaci; il terzo infine era costituito dal tema e quindi dalla disponibilità della Banda dell’Arma dei Carabinieri che potè partecipare all’iniziativa, in un periodo libero dai principali impegni istituzionali.

Il progetto era stato curato da chi scrive, all’epoca capo della 2a sezione dell’Ufficio Storico del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, e dal tenente Laura Secchi, all’epoca vice direttrice del Museo Storico, che poterono avvalersi della collaborazione di altri enti: la già ricordata Banda dell’Arma dei Carabinieri con alcuni documenti e immagini, il Museo Centrale del Risorgimento italiano con fotografie e documenti, il reggimento Corazzieri con un’uniforme da Corazziere trombettiere, il comando interregionale Carabinieri “Podgora” con un quadro, alcuni privati con materiali provenienti dalle loro collezioni.

La collaborazione più interessante fu offerta dall’ICBSA, Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi http://www.icbsa.it/. Quest’ultimo, grazie alla disponibilità del direttore, dottor Massimo Pistacchi e dei suoi preziosi collaboratori, mise a disposizione alcuni contributi sonori particolarmente preziosi che si rivelarono di grande pregio per la diffusione di un patrimonio che si credeva disperso.

Attraverso la ricerca on-line, poi, fu possibile utilizzare anche un filmato dell’Imperial War Museum che ritraeva la banda dell’Arma in alcune tournée estere, in particolare quella svoltasi in Gran Bretagna nel 1918 https://www.iwm.org.uk/collections/item/object/1060022820

Il materiale fu raccolto e organizzato. Un’attività intensa e realizzata in poco tempo. Era giunto il tempo di inaugurare la mosta.